Breve storia della diocesi di Vilkaviškis

La diocesi di Vilkaviškis corrisponde al territorio dello stato lituano situato sulla riva destra del fiume Nemunas e confina con le Arcidiocesi di Kaunas e Vilnius, le diocesi di Kaišiadorys, Ełk (Polonia), Grodno (Bielorussia) e con il distretto di Kaliningrad (Russia).

Rimantas Norvila è l’attuale Vescovo della diocesi di Vilkaviškis, affiancato nel suo compito pastorale dal Vescovo Emerito Juozas Žemaitis, MIC. La curia diocesana si trova a Marijampolė.

La diocesi copre un’area di 6.280 km2 ed è divisa in sei decanati: Aleksotas, Alytus, Lazdijai, Marijampolė, Šakiai e Vilkaviškis. Vi sono 103 parrocchie e 42 cappelle con più di cento sacerdoti diocesani e altrettanti membri delle diverse congregazioni.

La nascita della diocesi fu sancita il 4 aprile 1926 dalla Costituzione “Lituanorum Gente” emanata dal Papa Pio XI che istituiva così la Provincia Ecclesiastica di Lituania. Sant’Antonio è stato scelto come patrono.

L’attività della giovane diocesi fu notevolmente limitata a causa dell’occupazione sovietica, e, durante la Seconda Guerra Mondiale, 32 chiese furono completamente distrutte o gravemente danneggiate. In seguito alla seconda occupazione sovietica, un centinaio di sacerdoti cercò rifugio nell’Occidente, e quasi altrettanti furono imprigionati, esiliati e in alcuni casi giustiziati.

Il problema maggiore fu tuttavia l’imposizione forzata dell'ateismo. Il regime sovietico soppresse la stampa cattolica, tutte le organizzazioni, le congregazioni e gli ordini religiosi, imponendo ai sacerdoti l’assoluto divieto di insegnare il catechismo ai bambini nelle scuole e nelle chiese. La risposta dei fedeli alla propaganda ateistica fu la pubblicazione clandestina del periodico “Cronaca della Chiesa Cattolica in Lituania” il cui editore, Sigitas Tamkevičius SJ, un sacerdote della diocesi di Vilkaviškis, è oggi arcivescovo di Kaunas.

Nel 1990, dopo la riconquista dell’indipendenza, l’attività pastorale e le iniziative assistenziali hanno ripreso vigore nella diocesi di Vilkaviškis così come in tutta la Lituania. Sono state ripristinate le organizzazioni cattoliche, gli ordini e le congregazioni religiose attive prima della guerra, e ne sono state fondate molte di nuove. Sono state ricostruite circa dieci chiese, tra cui la cattedrale di Vilkaviškis ed è stato recentemente restaurato il complesso monastico di Liškiava, un esempio di architettura barocca.

Nel 2002 circa il 91% della popolazione della diocesi si è dichiarata cattolica ed è oggi assistita da centoventi sacerdoti, sette dei quali sono monaci.

L’organizzazione diocesana Caritas gestisce attualmente cinque case di ricovero, dieci centri di attività per bambini e giovani e due mense per i poveri. Si interessa di procurare medicine ai disabili e di fornire assistenza ai disagiati. Si occupa inoltre della diffusione di testi religiosi, dell’assistenza ai carcerati e della distribuzione di fondi per beneficenza.

Il Centro Giovanile Diocesano sostiene e coordina le attività delle organizzazioni giovanili delle parrocchie, favorendone i contatti e organizzando diversi seminari, dibattiti, incontri e ritiri spirituali.

Il Centro Catechistico coordina l’insegnamento religioso nelle scuole e si occupa di provvedere ad una qualificata preparazione dei catechisti attraverso un’intensa attività didattica, libri di testo specializzati e la condivisione dell’esperienza pedagogica. Organizza inoltre pellegrinaggi per insegnanti e studenti. Durante l’anno scolastico 2002–2003, il 63,8% di tutti gli scolari della diocesi ha frequentato l’insegnamento della religione.

Vi sono inoltre la Scuola superiore privata dei Mariani a Marijampolė e la Scuola superiore di San Benedetto fondata dal comune di Alytus e dalla diocesi di Vilkaviškis.

Il Centro per la Famiglia si occupa della preparazione dei giovani al Sacramento del matrimonio, fornendo consulenze sulla vita coniugale e accompagnando la formazione cristiana delle famiglie; partecipa inoltre attivamente al Movimento per la vita.

Il Centro Cristiano per la Cultura promuove la cultura e l’educazione. Giovani talenti delle scuole superiori trovano qui un’adeguata formazione. Il coro di Č. Sasnauskas, già vincitore di un premio internazionale, e il Museo di Arte Sacra della diocesi fanno entrambi parte del Centro per la Cultura.

La Casa Editrice Ardor si occupa della pubblicazione di testi cattolici e cristiani.

Solidi sono i contatti tra la Diocesi di Vilkaviškis e le diocesi di Ełk, Białystok, Olsztyn, Varsavia Praga in Polonia e l’arcidiocesi di Paderborn in Germania. Alcune comunità della diocesi hanno stretto legami con i cattolici tedeschi: la Caritas e le parrocchie di Alvitas, Kazlų Rūda, San Michele Arcangelo a Marijampolė e Miroslavas sono collegate alla regione dell’Oldenburg; la Curia e le parrocchie di Skardupiai, Sasnava, Kalvarija a quella di Bergish Gladbach; la parrocchia di San Vincenzo a Marijampolė con Altenberg. Il Centro Catechistico ha instaurato buone relazioni con i cattolici di Salisburgo, in Austria.

Il beato Jurgis Matulatis è seppellito nella Basilica Minore di San Michele Arcangelo a Marijampolė. Le celebrazioni per la commemorazione annuale della sua Beatificazione si tengono nella seconda settimana di Luglio.

««« atgal